La psicologia dei colori: l’ingresso

ingresso 2 giusto 795x323 - La psicologia dei colori: l'ingresso

Il colore così come la luce giocano un ruolo essenziale sulle nostre emozioni, per questo motivo se state pensando di cambiare il colore delle pareti di casa vostra occorre prestare attenzione ad alcuni piccoli accorgimenti.

La giusta tonalità aiuta a migliorare gli ambienti avendo la capacità di cambiarne l’aspetto, rivitalizzandoli e rendendoli fortemente comunicativi.

Partiamo dall’ingresso, questo è locale che deve trasmettere positività e accoglienza cercando di favorire i rapporti tra gli ospiti e il nucleo familiare perciò è necessario utilizzare dei colori che comunichino la nostra personalità e tendano a far creare una buona impressione.

Un fattore da non sottovalutare è anche il periodo in cui una casa è stata costruita infatti le nuove abitazioni tendono ad avere una sola parete che separa dal soggiorno, le costruzioni più datate invece utilizzavano come ingresso un vero e proprio locale.

Si possono utilizzare il grigio, tonalità neutra e rilassante, accostandolo a oggetti colorati per dare più vivacità agli spazi; il bianco è perfetto per illuminare l’ambiente ma per evitare di creare un effetto troppo impersonale va accompagnato con oggetti vivaci e colorati. Queste tonalità neutre possono essere abbinate a materiali come legno, pietra e mattone per rendere gli ingressi eleganti e raffinati.

Il verde mela abbinato a colori come il bianco possono creare un effetto interessante; possono essere utilizzati anche il giallo, il rosso o l’arancione che sono tonalità calde ed esprimono una forte personalità!

L’uso di specchi o rivestimenti potrebbe donare il tocco giusto per rendere l’ambiente perfetto!

 

Ringraziamo per la foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *