Casa green: sicurezza, comfort e risparmio energetico

caseprefa33 800x323 - Casa green: sicurezza, comfort e risparmio energetico

Investire nel mattone è sempre una buona scelta, ancora di più se il mattone è ecosostenibile; scegliere di investire in una casa prefabbricata comporta due tipi di vantaggi: quello ambientale e di conseguenza quello economico poiché si può riscontrare un notevole risparmio nelle bollette.

C’è un ampio ventaglio nella scelta dei materiali per la realizzazione di questa strutture anche se in Italia il più utilizzato è il legno.

Secondo Vidoni, presidente di Assolegno, il legno è uno dei più antichi materiali da costruzione proveniente da una risorsa rinnovabile cioè i boschi, la cura e il presidio delle aree boschive produce un beneficio non solo sociale ma anche economico perché permette di realizzare reddito dove la disponibilità di lavoro è minore, ovvero nelle zone montane.

Le parole chiave che individuano questo nuovo tipo di strutture sono: sicurezza, comfort e ridotto impatto ambientale.
Le case realizzate in legno sono sicure perché essendo più leggere, in caso di scosse di terremoto ne risentono meno, permettono di realizzare un vero risparmio energetico e quindi economico ravvisabile nelle bollette perché il legno è un materiale isolante.

 

L’ultimissima frontiera della bioedilizia si sta indirizzando verso le case in 3D con materiali naturali, ciò dimostra quanto la crescita di questo nuovo mercato vada di pari passo ad un incremento tecnologico.

Oltre ai pro ci sono anche dei contro, questo tipo di abitazioni comportano un elevato costo di realizzazione ed essendo nuove sul mercato non esiste uno storico su cui ci si possa basare nella loro valutazione in caso di rivendita, tuttavia le banche per l’acquisto hanno istituito i cosiddetti MUTUI VERDI a tassi agevolati, si tratta dell’Energy Efficient Mortagages Pilot Scheme cioè un sistema di raccolta dati volti ad agevolare l’erogazione di finanziamenti. L’obiettivo è incentivare l’acquisto delle case green riducendo in questo modo le emissioni di carbonio del 40% rispetto al 1990.

Le banche sempre di più rispondono in modo positivo a questo nuovo mercato, molti propongono anche diverse modalità di finanziamento correlate ai tempi di realizzazione della struttura, agevolando concretamente sia l’impresa di costruzione che il committente.

 

 

FONTE: Idealista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *