• DSC_6336
  • DSC_6328
  • DSC_6264
  • DSC_6268
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.19.21
  • DSC_6228
  • DSC_6230
  • DSC_6230
  • DSC_6231
  • DSC_6233
  • DSC_6235
  • DSC_6241
  • DSC_6244
  • DSC_6246
  • DSC_6241
  • DSC_6258
  • DSC_6256
  • DSC_6268
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.18.13
  • DSC_6341
  • DSC_6334
  • DSC_6332
  • DSC_6337
  • DSC_6237
  • DSC_6256
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.19.06
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.19.39
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.16.31
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.17.19
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.20.10
  • WhatsApp Image 2017-12-05 at 09.20.30 (1)
  • DSC_6276
  • DSC_6326
  • DSC_6237
  • DSC_6238
  • DSC_6248
  • DSC_6251
  • DSC_6252
  • DSC_6254
  • DSC_6255
  • DSC_6259
  • DSC_6270
  • DSC_6271
  • DSC_6273
  • DSC_6276
  • DSC_6278
  • DSC_6280

Borgata con terreno €85.000 /0 - vendita

ANGROGNA

BARMA MOUNASTIRA: BORGATA STORICA COSTRUITA SOTTO LA ROCCIA

Sulle montagne della Val d’Angrogna, proponiamo questa borgata storica e unica formata da più fabbricati totalmente costruiti in pietra con terreni circostanti.

Il luogo prende il nome dal termine Barma che indica quelle pareti rocciose che, grazie alla loro particolare conformazione sporgente,  offrono riparo dalle intemperie. Qui, a 1.200 metri di altitudine, fu costruito un intero borgo di case i cui tetti in losa si integrano perfettamente con la roccia naturale diventandone complemento. Questi singolari rustici sono un simbolo della storia locale.

Le strutture sono rimaste disabitate a partire dagli anni ’60 quando l’ultima famiglia si trasferì progressivamente più a valle; da allora sono state lasciate a sé stesse per lungo tempo. A salvarle dall’abbandono, l’ambizioso progetto di un uomo nato e cresciuto ad Angrogna che ha ristrutturato tutti i fabbricati, rifacendo completamente i caratteristici tetti in lose. Con lavoro a regola d’arte ha restituito alla borgata quegli spazi di cui la montagna si era riappropriata. Il restauro è avvenuto per preservare questi fabbricati in ogni loro parte, senza snaturarne l’unicità.

La lunga fila di case costruite ai piedi della roccia, anticamente appartennero alla famiglia Monastier, da cui il nome. I fabbricati diventano sempre più bassi, adattandosi all’altezza decrescente della barma. Ogni elemento ricorda la quotidianità degli abitanti che qui vivevano producendo ogni cosa necessaria.

L’abitazione principale, sulla destra, è l’unica non addossata alla roccia ma al fianco della montagna. Elevata su tre livelli, è ad oggi l’unica veramente abitabile. Sono presenti la cantina, al primo piano la cucina e all’ultimo piano la camera da letto. La struttura è  affiancata dal prezioso forno a legna che permetteva di panificare e nutrire tutta la famiglia. Al suo interno si scorge ancora la particolare volta in pietra, che si è conservata perfettamente nel corso del tempo.

Avvicinandosi alla roccia ( verso ovest ) troviamo l’ampio capanno coperto, da utilizzare come terrazzo e déhors.

La piccola corte interna è posizionata all’ingresso di tre costruzioni, le più adatte a diventare una seconda unità. Al piano terra le tre stalle erano ricovero per capre e pecore mentre al primo piano sono presenti due ampie camere  ed il fienile, tutte con accesso esterno.

Il laboratorio e le tre cantinette sono le ultime strutture, composte da un solo livello e per lo più con il tetto formato dalla sola roccia. Ad ultimare, poco più a monte, l’ampio fienile con soletta costituito da rami intrecciati per migliorare l’essiccazione dei foraggi. Sotto il muraglione che sostiene il cortile di fronte alle abitazioni, sono presenti la fonte e la latrina; infatti in questa proprietà non sono presenti allacciamenti ad utenze di alcun tipo e si hanno l’acqua di sorgente e il wc esterno a compostaggio secco. L’energia elettrica è prodotta da un generatore.

Ancora oggi l’atmosfera che si percepisce è suggestiva, quasi come se il tempo in questo scorcio di montagna non fosse mai trascorso. I numerosi terrazzamenti in pietra a secco presenti sulla proprietà e attorno alle case, un tempo venivano coltivati a segale e patate. Dove oggi sono presenti boschi, pascolava il bestiame.

Oggi come un tempo, questa suggestiva località si raggiunge esclusivamente a piedi percorrendo l’antica mulattiera che sale lungo il bosco. Esistono più percorsi che conducono alla proprietà ma quello più consigliato è il sentiero che, salendo da Pra del Torno, consente di giungere in mezz’ora di cammino.  La strada è asfaltata fino a Pra del Torno ( località con residenti tutto l’anno), diventa sterrata percorribile con 4×4 per un chilometro e termina dove inizia il sentiero.

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI CHIAMA IL NUMERO 0121.462422 O SCRIVICI UNA E-MAIL A torrepellice@unicase.it. VI ASPETTIAMO IN UFFICIO PER FORNIRVI TUTTE LE INDICAZIONI PER RAGGIUNGERE IL LUOGO IN AUTONOMIA. INFATTI, DATA IL TEMPO NECESSARIO A RAGGIUNGERE IL SITO, LE VISITE VENGONO EFFETTUATE SENZA LA GUIDA DI UN NOSTRO COLLABORATORE. SONO CONSIGLIATE SCARPE ADEGUATE ( DA TREKKING O SCARPONCINI ) AD UNA CAMMINATA DI CIRCA 30 MINUTI.

Dove si trova

Immobili simili